Menu

Ricerca per codice
Filtra immobili
Centri urbani
Case al mare
Paesi collinari
Tipologia
Numero camere minimo
Pertinenze

Il glossario immobiliare


A corpo (vendita)

Vendita effettuata prescindendo dalle effettive misure dell'immobile.




A misura

Vendita immobiliare effettuata sulla base delle misure. Nelle compravendite tra privati non viene praticamente mai adoperata perché per il venditore presenta un rischio non indifferente: se a un successivo controllo risulta uno scarto tra quanto dichiarato in atto e la realtà, l'acquirente ha diritto a un indennizzo.




Abitabilità

L'insieme delle condizioni previste dalla legge che rendono abitabile un edificio o un appartamento: autorizzazione, licenza di abitabilità.




Abitazione

Edificio, o parte di esso, in cui si abita casa, dimora: un'abitazione modesta, lussuosa.




Abitazione principale

Abitazione in cui si stabilisce la propria dimora abituale. Ai fini fiscali è una definizione utilizzata per gli sconti sulle imposte di proprietà (Irpef e Ici) e differisce da quella di "prima casa", usata per le imposte sui trasferimenti (compravendite, eredità, donazioni). Inoltre, mentre per l'Irpef (detrazioni sulla rendita e sui mutui per l'acquisto) è sufficiente che vi abitino i familiari del contribuente, per l'Ici deve abitarvi anche il contribuente stesso.




Abuso edilizio

Variazione della struttura o della volumetria di un immobile non approvata dagli uffici competenti o non sanata successivamente. La presenza di abusi edilizi vieta il trasferimento dell'immobile.




Accertamento

Controllo che il fisco esegue, anche nel caso di compravendita di immobili, verificando la dichiarazione effettuata (o non effettuata) da parte del contribuente, comunicando poi la sua valutazione. Nel caso di rogito di un alloggio l'accertamento è automatico se si dichiara un valore inferiore a 100 volte la rendita catastale.




Accollo del mutuo

Contratto con cui l'acquirente di un immobile gravato da mutuo ipotecario, anziché chiedere l'estinzione del mutuo e la sua cancellazione, si assume l'obbligo di pagare le restanti rate, ovviamente ottenendo in cambio uno "sconto" sul prezzo dell'immobile acquistato. In genere le Banche adottano il cosiddetto "accollo cumulativo", in cui il debitore iniziale (detto "accollato") resta obbligato in solido con il nuovo debitore (l'accollante).




Affitto

In termini giuridici stretti è la cessione di un bene mobile a un terzo per un tempo predeterminato (che non può superare i 30 anni) in cambio di un canone. La cessione di un immobile si chiama più propriamente locazione. Ne linguaggio comune locazione e affitto sono considerati sinonimi.




Agente Immobiliare

Chi intermedia una transazione in vendita di una casa. L'agente non deve essere mai proprietario dell'immobile e deve essere iscritto al ruolo dei mediatori tenuto presso le camere di commercio.




Agenzia immobiliare

Impresa che assume e tratta affari come intermediaria: agenzia immobiliare, per la compravendita e l'affitto di immobili | contratto di agenzia, quello con il quale una parte assume l'incarico di promuovere per conto dell'altra la conclusione di contratti in una data zona, per un compenso di solito percentuale.




Agriturismo

Forma di turismo che consiste nel soggiornare presso un'azienda agricola dietro pagamento o con l'impegno di collaborare alle attività stagionali.




Alloggi

Luogo in cui si dimora abitazione, casa: cercare, dare, trovare alloggio alloggi popolari.




Ammortamento

Estinzione rateale di un debito: ammortamento di un prestito l'ammortamento del debito pubblico. Es.: mutuo.




Ampliamento (edilizio)

L'ampliare, l'ampliarsi, l'essere ampliato: lavori di ampliamento, di un edificio o di un locale/ambiente.




A.N.A.C.I.

Associazione Nazionale degli Amministratori di Condominio Immobiliari.




A.N.A.M.A.

Associazione Nazionale Agenti Mediatori di Affari. Organizzazione degli agenti immobiliari aderente a Confesercenti.




Androne

Ambiente di passaggio che dal portone esterno di un edificio immette nella scala o nel cortile interno.




Annotazione ipotecaria

Atto con cui viene pubblicizzato il trasferimento di un credito da ipoteca ad altri (per esempio a un'altra banca).




Annuncio immobiliare

Breve testo scritto con allegata una immagine o sequenza e la richiesta economica, utilizzato per pubblicizzare un immobile per via telematica (internet) attraverso specifici siti dedicati e/o pubblicata dai giornali in apposite rubriche




Appalto

Contratto con cui una persona o un'impresa (appaltatore) assume a proprio rischio e con propri mezzi l'esercizio di un'attività o l'esecuzione di un'opera affidatale da un'altra persona, impresa o ente (appaltante) in cambio di un corrispettivo in denaro: dare, prendere in appalto gara di appalto vincere un appalto.




Appartamento

Insieme di stanze e di servizi che costituiscono un'abitazione indipendente all'interno di un edificio.




Assemblea di condominio

Organo collegiale che rappresenta la volontà del condominio. Vi partecipano di diritto tutti i condomini e in certi casi anche gli usufruttuari e i conduttori. Questi ultimi hanno spesso dritto di voto per le delibere che riguardano l'impianto di riscaldamento e condizionamento.




Asta immobiliare

Vendita pubblica di beni al migliore offerente: vendere, mettere all'asta asta fallimentare, quella dei beni di proprietà di un'impresa o di un imprenditore fallito. Procedimento con cui l'autorità monetaria di un paese colloca i buoni ordinari del tesoro. Nelle aste pubbliche, lo stato o un altro ente pubblico dà in appalto la realizzazione di un'opera o lo svolgimento di un'attività o di un servizio. nelle aste a rialzo o al ribasso, si hanno offerte che aumentano il prezzo (nelle vendite) o lo diminuiscono (negli appalti).




Attico

Ultimo piano abitabile di un edificio, costruito al di sopra della cornice di coronamento, in genere in posizione arretrata rispetto alla facciata (caratteristica da cui ne derivano spesso le tipiche terrazze abitabili)




Atto notorio

Atto ricevuto da pubblico ufficiale nel quale vengono verbalizzate deposizioni o asserzioni giurate.




Atto pubblico

Documento redatto nelle forme di legge da un notaio o da altro pubblico ufficiale che, in genere, ha determinati obblighi di verifica del contenuto dell'atto.




Atto sostitutivo di atto notorio

Dichiarazione sostitutiva di documentazione pubblica che la legge concede in casi determinati, resa davanti a un pubblico ufficiale incaricato di verificare l'identità del dichiarante, ma non la corrispondenza a verità delle sue asserzioni.




Autocertificazione

Dichiarazione del cittadino che certifica, sotto responsabilità penale, i propri dati anagrafici può sostituire il certificato rilasciato dal competente ufficio comunale.




Torna su

Baita

Piccola costruzione di sassi o di legno, usata come ricovero in alta montagna.




Balcone

Ripiano generalmente di pietra o cemento armato, chiuso da un parapetto, che sporge dal muro esterno di un edificio in corrispondenza di una porta-finestra.




Bed and Breakfast

Forma di ospitalità turistica di tipo familiare presso camere inserite nell'abitazione principale della famiglia con servizio di prima colazione, pulizia e cambio lenzuola. Non necessita di partita Iva e di iscrizione nel registro esercenti ed è stata riconosciuta di recente dalla maggior parte delle regioni. I relativi proventi vanno denunciati come "redditi diversi".




Bene immobile

È bene immobile il suolo, gli edifici e le costruzioni edili, le sorgenti, i corsi d'acqua, tutto ciò che è artificialmente o naturalmente incorporato al suolo (per esempio, condotta idrica o albero).




Bilocale

Si dice di un'unità immobiliare costituita da due locali e servizi.




Box

Autorimessa al piano terreno o seminterrato di un edificio per il ricovero di una sola autovettura.




Buona fede

In linguaggio giuridico significa l'ignoranza di ledere un diritto altrui. Può essere insufficiente per alleviare gli effetti di un atto illecito, se non è accompagnata dalla normale diligenza.




Buonentrata

Somma richiesta in aggiunta al canone di locazione come condizione perché sia stipulato un contratto. Spesso illegittima.




Buonauscita

Somma patteggiata dal locatore con il conduttore perché quest'ultimo lasci libero l'immobile locato.




Torna su

Caparra

Somma di denaro o altro bene fungibile che una parte contraente versa all'altra quando viene stipulato un contratto, specie preliminare, a garanzia dell'adempimento o come penale in caso di recesso ingiustificato: caparra confirmatoria, penitenziale.





Capitolato

Descrizione precisa e dettagliata dei lavori da eseguire, e del materiale impiegato, e fa parte integrante del contratto d'appalto con il quale viene affidato a un'impresa la costruzione o i lavori di manutenzione o ristrutturazione di un immobile.





Catasto

È l'Ufficio finanziario presso il quale sono custodite le mappe catastali, sulle quali si trovano le planimetrie dei fabbricati e le mappe dei terreni.





Categoria catastale

La categorie catastali sono cinque: A (abitazioni), B (edifici a uso collettivo, come caserme o scuole), C (commerciali come box, negozi, tettoie), D (immobili industriali), E (immobili speciali). In ogni categoria ci sono più distinzioni: fra le abitazioni si distinguono la A1 (lusso), A2 (civile), A3 (economica), A4 (popolare), A5 (ultrapopolare), A6 (case rurali), A7 (villini), A8 (ville), A9 (immobili storici). Nel rogito è spesso indicata in forma abbreviata con "CAT.".




Cauzione

La cauzione è il deposito di una determinata somma consegnata al creditore o a un terzo (p.es. una banca) come garanzia dell'esecuzione completa e regolare del contratto. In caso d'inadempienze servirà per il risarcimento dei danni. Esempi: la cauzione depositata dal locatario;la cauzione depositata da un'impresa di costruzioni per la buona e tempestiva esecuzione dei lavori. Se non si vuole o non si può consegnare denaro contante, si può utilizzare una garanzia bancaria (nella forma di una fideiussione semplice). La banca garantisce per la buona esecuzione dei lavori.




Certificazione degli impianti (denominazione comune della Dichiarazione di conformità degli impianti)

L'installatore di un impianto (impianto elettrico, idro-sanitario, termico, ecc.) è tenuto per legge a presentare dichiarazione di conformità inerente all'impianto stesso. Per mezzo di essa, si dichiara che l'installazione dell'impianto è stata compiuta in conformità a disposizioni legislative particolari o a specifiche norme tecniche. Per la redazione degli allegati e degli eventuali progetti sono necessarie specifiche figure come il Responsabile Tecnico o il Progettista abilitato, iscritto in apposito albo.





Certificazione energetica (abbreviazione di Attestato di Prestazione Energetica)

Nella dialettica quotidiana viene spesso erroneamente confusa con la dichiarazione di conformità degli impianti. E' un documento che attesta il consumo energetico di un abitazione indicandone anche gli eventuali accorgimenti per migliorarne le prestazioni, che viene rilasciato da un tecnico (architetto, ingegnere, geometra) che ha conseguito l'abilitazione a poter svolgere l'attività di Certificatore Energetico. Il documento tiene conto delle prestazioni energetiche all'interno della propria abitazione o dell'edificio che riguardano sia l'acqua calda, il riscaldamento, i condizionatori ed il funzionamento nonché il meccanismo delle fonti ed energie rinnovabili. Questo al fine di mettere il cittadino nella condizione di poter mettere a confronto i vari parametri di energia e risparmio e per poi poter capire in maniera autonoma e consapevole quali sono gli immobili con i valori energetici migliori. Grazie alla diffusione degli schemi energetici e delle etichette, diventa semplice per tutti poterne capire il funzionamento. La classe energetica di massimo risparmio è la A fino ad arrivare alla G (massimo consumo) ed i vari fabbisogni vengono suddivisi a secondo di alcuni parametri che specificano l'uso ed il consumo in caso di energia primaria, (di uso quotidiano), climatizzazione invernale corrispondente all'involucro ovvero al tetto e serramenti ed energia primaria per l'acqua calda sanitaria.
E' obbligatoria per la messa in vendita di un immobile





Classe catastale

Le classi catastali sono in numero molto variabile. A ogni categoria catastale (vedi) ne corrispondono una sola (unica) fino a molte decine. È un ulteriore elemento identificativo dell'immobile, e viene attribuito dall'Ufficio tecnico erariale. Nel rogito è spesso abbreviata con "CL.".





Compromesso (preliminare di compravendita)

Dicitura comune del contratto preliminare di compravendita immobiliare. Consiste nell'accordo tra due parti per deferire ad arbitri la decisione d'una controversia.




Concessione edilizia

L'atto con cui il Comune concede la costruzione di un immobile purché la destinazione d'uso e i volumi realizzati rispettino gli strumenti urbanistici. Qualsiasi difformità dalla concessione costituisce abuso edilizio. Un'abitazione con abusi non sanati può essere venduta ma il venditore deve dichiararlo nel rogito.




Condono edilizio

Se ci sono difformità tra la planimetria originariamente depositata in catasto e quella attuale vi sono due possibilità o si tratta di semplici irregolarità formali sanabili con una semplice segnalazione in catasto o invece si tratta di irregolarità sostanziali, che violando leggi e regolamenti urbanistici andavano "sanate" mediante il condono edilizio. Non è possibile vendere una casa non condonata.




Conduttore

Termine usato nei contratti di locazione. Sinonimo di inquilino.




Conservatoria del Registro

Ufficio dove si conservano e si aggiornano i documenti che attestano i passaggi di proprietà degli immobili.




Torna su

D.I.A.(Dichiarazione di inizio attività)

Documento redatto da un tecnico professionista abilitato che descrive i lavori di manutenzione straordinaria da effettuarsi in un immobile.




Dichiarazione di conformità degli impianti (comunemente chiamata certificazione degli impianti)

L'installatore di un impianto (impianto elettrico, idro-sanitario, termico, ecc.) è tenuto per legge a presentare dichiarazione di conformità inerente all'impianto stesso. Per mezzo di essa, si dichiara che l'installazione dell'impianto è stata compiuta in conformità a disposizioni legislative particolari o a specifiche norme tecniche. Per la redazione degli allegati e degli eventuali progetti sono necessarie specifiche figure come il Responsabile Tecnico o il Progettista abilitato, iscritto in apposito albo.




Decoro architettonico

Armonia architettonica dell'aspetto esterno dell'edificio, che è considerato bene tutelabile nei rapporti di condominio.




Decreto di esproprio

Atto di pubblica autorità competente con cui si decide l'espropriazione di una proprietà privata per pubblica utilità.




Dependance

Edificio secondario separato, isolato, ma inserito all'interno della proprietà di un immobile principale (es. una villa, albergo e simile), solitamente indipendente e di modeste dimensioni, in genere ad uso abitazione del guardiano della proprietà.




Deposito cauzionale

Somma versata a garanzia. Nella locazione la versa l'inquilino per garantire la buona conservazione della casa.




Deposito fiduciario

Il deposito fiduciario è stipulato tra il compratore, il venditore, il mutuante e il notaio, ed è una somma che il compratore deve pagare al venditore che rimane vincolata in attesa dell'espletamento di particolari accertamenti che ne provochino la risoluzione (accettazione proposta, accettazione preventivo di un mutuo) ed è consegnano ad un soggetto riconosciuto e incaricato (notaio, agente immobiliare) affinché la custodisca in attesa di esperire i citati accertamenti.




Direttore dei lavori

Nei rapporti di appalto è il tecnico incaricato dal committente di verificare le opere eseguite dall'appaltatore.




Diritto di abitazione

Diritto non cedibile di abitare un alloggio, per il soddisfacimento dei bisogni abitativi propri e della famiglia (art. 1022 cod.civ.).




Diritto di superficie

Diritto a costruire o mantenere sul suolo altrui una costruzione senza però acquisire anche la proprietà del terreno su cui è edificato. Dura in genere fino a 99 anni. In pratica è come una locazione a lunghissimo termine per cui si sia versato in anticipo un canone complessivo. Per il diritto italiano infatti un edificio è di proprietà di chi è titolare del terreno.




Disimpegno

Locale che funge da accesso ad altri locali.




Domicilio

Luogo dove una persona ha la sede principale dei propri affari e interessi | eleggere il (proprio) domicilio, stabilire con atto scritto un domicilio speciale in relazione a determinati affari o fini | domicilio fiscale, quello che ogni contribuente deve avere ai fini dei rapporti con l'amministrazione finanziaria.




Torna su

Eclusiva (Patto di)

Clausola che le parti inseriscono nel contratto al fine di vincolare una di esse a compiere una determinata prestazione. Possono accedere a tale patto il contratto di somministrazione e quello di agenzia. La violazione di tale patto comporta un inadempimento contrattuale cui consegue l'obbligo di risarcire il danno.




Espropriazione

L'azione attraverso la quale un soggetto viene privato di una sua proprietà per scopi di pubblico interesse ovvero in esecuzione di una sentenza, contro indennizzo.ESPROPRIAZIONE FORZATA: Procedimento esecutivo diretto a sottrarre coattivamente al debitore beni facenti parte del suo patrimonio ed a convertirli in denaro al fine di soddisfare i creditori. Può essere mobiliare o immobiliare. È immobiliare quando ha per oggetto diritti reali immobiliari. Viene inoltrata presso la cancelleria esecuzioni del Tribunale del luogo in cui è situato l'immobile da espropriare, mediante l'atto di pignoramento immobiliare che deve anche essere trascritto nella competente conservatoria registri immobiliari a fini pubblicitari. La procedura è finalizzata alla vendita all'incanto del bene e alla distribuzione ai creditori della somma ricavata. È ammesso intervento nella stessa procedura anche da parte di più creditori. L'espropriazione mobiliare ha ad oggetto beni mobili o crediti. Può essere promossa presso il debitore o presso terzi.




Estinzione

E´ la perdita di una posizione giuridica vantaggiosa o svantaggiosa.




Esecuzione immobiliare

Vendita coatta, cioè fatta per forza di legge e non per volontà del proprietario, di un immobile dato in garanzia di un debito.





EURIBOR

EURo InterBank Offered Rate. Tasso interbancario di riferimento diffuso giornalmente dalla Federazione Bancaria Europea come media ponderata dei tassi di interesse ai quali le Banche operanti nell'Unione Europea cedono i depositi in prestito.





Evizione

Perdita del possesso di un bene da parte del compratore qualora vi sia un'altra persona provvista di maggiori titoli e faccia valere diritti sulla cosa venduta.



Torna su

Fallimento

Procedimento con cui l'imprenditore viene espropriato del patrimonio a favore di più creditori. Il fallimento vede come attori il tribunale fallimentare, dal giudice delegato, dal curatore e dal comitato dei creditori. A loro volta i creditori vanno distinti in privilegiati e chirografari: i privilegiati (tra cui ci sono chi gode dell'ipoteca su un'immobile, o lo Stato, per i crediti fiscali) hanno diritto ad essere soddisfatti per primi e a continuare a maturare gli interessi sul credito, mentre i chirografari restano in coda.




F.I.A.I.P.

Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali. Organizzazione di categoria degli agenti immobiliari aderenti a Confedilizia.




Fideiussione

Atto con cui un soggetto (fideiussore o garante) si obbliga personalmente verso il creditore di un altro soggetto (debitore), garantendo l'adempimento di un'obbligazione. In genere fideiussore e debitore sono obbligati in solido, cioè il credito può essere richiesto indifferentemente sia all'uno che all'altro (salvo non sia specificata una priorità). Pagando, il fideiussore diviene a sua volta creditore del debitore.




F.I.M.A.A.

Federazione Italiana Mediatori Agenti d'Affari. Organizzazione di categoria degli agenti immobiliari aderente a Confcommercio.




Foglio di mappa catastale

Rappresentazione grafica di porzione di territorio ai fini catastali, dove sono inserite le forme geometriche delle particelle catastali, indicando per ciascuna il numero di riferimento, detto mappale.




Torna su
Garage

Sinonimo di autorimessa.




Garante

Sinonimo di Fideiussore. Colui che offre la fideiussione per il debitore.




Garanzia

Tutela accordata dalla legge al creditore per una maggiore sicurezza nel soddisfacimento dei suoi diritti. GARANZIA SUI VIZI: Nei contratti di compravendita, è la garanzia che il fabbricato sia indenne da difetti che lo rendano inadatto all'uso o ne diminuiscano sensibilmente il valore.GARANZIA PERSONALE: È l'atto con cui un soggetto, obbligandosi personalmente verso il creditore, garantisce l'adempimento di una obbligazione altrui. La garanzia è personale perché il creditore può soddisfarsi sopra il patrimonio di una persona diversa dal debitore.GARANZIA REALE: Ipoteca e pegno sono esempi di garanzie reali. L'ipoteca è un diritto di garanzia che attribuisce al creditore, in caso di insolvenza del debitore, il potere di espropriare il bene sul quale l'ipoteca è stata iscritta e di essere soddisfatto con preferenza sul prezzo ricavato dalla vendita. Il pegno è anch'esso un diritto reale che il debitore o un terzo concede al creditore su una cosa mobile a garanzia di un credito. Nel pegno il possesso della cosa passa al creditore.




Gazebo

Struttura architettonica indipendente da giardino, in muratura, ferro lavorato o in legno, terminante con una cupola, per lo più rivestito di piante rampicanti ed aperta ai lati.




Giardino

Appezzamento di terreno in cui si coltivano fiori e piante ornamentali: giardino privato, pubblico; giardino pensile, su terrazza; giardino all'italiana, diviso in aiuole geometricamente ordinate; giardino all'inglese, con vasti prati, boschetti e piante sparse. Si definisce giardino d'inverno, locale con le pareti a vetri, ricca di piante, un tempo tipica di alberghi o ville di lusso.




Torna su

Hinterland

Il territorio circostante una grande città, sul quale essa esercita influenza sociale, economica e culturale e di cui utilizza in gran parte la forza lavoro (es. Cinisello Balsamo è un comune dell'hinterland milanese).





I.R.S. (Interest Rate Swapping)

È il tasso che regola le operazioni di swap, cioè dello scambio tra denaro a tasso fisso e denaro a tasso variabile. Siccome le banche che prestano soldi a tasso fisso si "ricoprono" compiendo un'operazione di questo tipo, il tasso dei mutui fissi in genere è proprio determinato aggiungendo uno spread da 1,5 a 2 punto rispetto all'Irs.




I.V.A. (imposta sul Valore Aggiunto)

Tributo preteso nelle transazioni immobiliari laddove chi vende o affitta è un'impresa o una cooperativa costruttrice. L'Iva assomma al 4% del valore dichiarato per l'acquisto di prime case e delle loro pertinenze e al 10% per le altre. Sono sottoposti ad Iva anche gli appalti e, in genere, tutti gli acquisti di oggetti o materiali (dalla lampadina all'impianto di condizionamento).




Immobile

Beni immobili, (dir.) terreni, fabbricati e in genere i beni che non possono essere portati in altro luogo senza pregiudizio della loro integrità. s. m. bene immobile; in partic., edificio: il mercato degli immobili.




Imposta sulle donazioni

A differenza delle successioni, le donazioni sono soggette a trattamenti fiscali diversi a seconda del rapporto di parentela intercorrente tra il donante e il beneficiario. Infatti, non è dovuta alcuna imposta per le donazioni effettuate a favore del coniuge, dei discendenti in linea retta (padre/figlio; nonno/nipote); e di altri parenti fino al quarto grado (zio/nipote; fratelli, cugini). Se la donazione consiste in un immobile, sono dovute le sole imposte ipotecarie (2%) e catastali (1%). Se, invece, il beneficiario non rientra nelle categorie sopra elencate ed il valore della donazione da lui ricevuta eccede la franchigia di euro 180.759,91 devono essere corrisposte, sul valore che supera la franchigia, le stesse imposte previste per gli atti di compravendita. È quindi dovuta l'imposta di registro nella misura stabilita per le diverse tipologie di beni dalle disposizioni concernenti questa imposta. Per le persone con handicap l'importo della citata franchigia è elevato ad euro 516.456,90.




Imposta di registro

Imposta che grava sulla registrazione dei trasferimenti di immobili tra privati o tra società non commerciali o di altri atti (contratti di locazione o comodato, ad esempio). Per i trasferimenti, ammonta al 3% sulle prime case e al 7% sugli altri immobili. Per la registrazione delle locazione al 2% annuo del canone.




Imposta sulla successione

Sui beni immobili o diritti reali immobiliari compresi nell'attivo ereditario continuano a essere dovute le imposte ipotecarie e catastali, rispettivamente nella misura del 2% e dell'1%, applicate alla base imponibile determinata secondo le disposizioni relative all'imposta sulle successioni.




Imposte sul trasferimento

Sono le imposte che vanno pagate all'atto della compravendita, della successione ereditaria o della donazione : registro (o Iva se a vendere è un'impresa immobiliare), imposte ipotecarie e catastali, tutte a carico del compratore; Invim, un tempo a carico del venditore.




Imposta ipotecaria e catastale

Da pagare in caso di acquisto, successione e donazione, assommano complessivamente al 3% del valore dell'immobile, a meno che siano dovute in misura fissa come accade negli acquisti di una prima casa.




Ipoteca

Diritto reale di garanzia sui beni immobili o mobili registrati (navi, aerei, automobili) che attribuisce al creditore il potere di espropriare, anche in presenza di terzi acquirenti, il bene vincolato a garanzia del suo credito e soddisfarsi con precedenza sul ricavato dell'espropriazione: mettere, accendere, spegnere, cancellare un'ipoteca; liberare da un'ipoteca; proprietà gravata di, da ipoteca | fare, mettere, porre un'ipoteca su qualcosa.




Istruttoria

Analisi del reddito e delle spese mensili del nucleo familiare o dell'impresa condotta da un istituto di credito per stabilire le capacità future di rimborso da parte di chi ha richiesto il mutuo. Le spese di istruttoria possono essere comprese nel costo del mutuo o versate a parte.




Torna su

Lastrico solare

Elencato quale parte comune di un edificio dall'art. 1117 c.c. corrisponde all'ultimo solaio dello stabile ed ha funzione di copertura o di solarium. Esso può essere di proprietà comune (se il contrario non risulta in modo chiaro ed univoco dal titolo di chi lo pretende come esclusivo) o di proprietà esclusiva di un condomino.




Leasing

Finanziamento aziendale che consiste nel fornire in uso ad un'azienda i beni immobili necessari alla sua attività, evitando quindi alla stessa d'investire capitali nel loro acquisto. Forma di contratto atipico riconducibile alle norme sulla locazione e sulla vendita con riserva di proprietà.




Libero al rogito

Con questo termine si indica un immobile completamente a disposizione dell'acquirente al momento di stipula del rogito notarile.




Locatario

Chi riceve un bene in locazione; affittuario: il locatario di un appartamento.




Locatore

Chi cede un bene in locazione: il locatore di un appartamento.




Locazione

Contratto con cui una parte (locatore) concede a un'altra (locatario) il godimento di un bene mobile o immobile per un certo tempo e dietro un corrispettivo determinato; affitto: dare una casa in locazione.




Loft

Grande solaio o ex-magazzino trasformato in abitazione o studio a spazio aperto.




Torna su
Mandato

Contratto col quale una parte si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto dell'altra. Chi conferisce il mandato è il mandante, chi lo riceve è il mandatario. A differenza del mediatore, il mandatario cura solo gli interessi di una parte e ha diritto al pagamento dell'onorario anche se non conclude un affare. Si distingue in mandato con rappresentanza e senza. Nel primo (più diffuso) gli effetti giuridici degli atti compiti sono in capo al mandante (chi ha dato il mandato). Nel secondo, sono in capo al mandatario (chi ha ricevuto il mandato), che però ha l'obbligo di trasferire, con un atto successivo, il diritto acquistato in nome proprio.




Mansarda

Con questo termine può essere indicato un appartamento ricavato nel sottotetto o una pertinenza dell'unità abitativa sottostante.




Manutenzione ordinaria

Gli interventi riguardanti le riparazioni non necessitanti alcuna formalità amministrativa rientrano nella manutenzione ordinaria. Alcuni esempi che possiamo menzionare sono la riparazione e la sostituzione degli infissi, la periodica manutenzione dei tetti e dei lastrici solari, la sostituzione della pavimentazione dell' appartamento e gli interventi di manutenzione del verde.




Manutenzione straordinaria

Gli interventi riguardanti il consolidamento, il rinnovamento e la sostituzione di parti delle strutture delle costruzioni rientrano nella manutenzione straordinaria. Per la loro realizzazione è necessario presentare un progetto edilizio e l'autorizzazione può essere ottenuta anche con il silenzio assenso entro 90 giorni dalla presentazione della domanda.




Mappale

Unità catastale costituita da una porzione di terreno o di fabbricato.




Mediatore

In base all'art. 1754 c.c. è colui che esercita professionalmente un'attività volta a mettere in relazione le due parti al fine di concludere un affare senza essere legato ad alcuna di esse da rapporti di collaborazione, di dipendenza o di rappresentanza. È in posizione di imparzialità. Deve eseguire personalmente l'incarico assunto; deve inoltre comunicare alle parti le circostanze a lui note, relative alla valutazione ed alla sicurezza dell'affare che possano influire sulla sua conclusione. Il mediatore può anche decidere di non rivelare ad un contraente il nome dell'altro, in questo caso risponderà in proprio nella parte cui ha taciuto l'identità dell'altro contraente dell'esecuzione del contratto. I mediatori debbono iscriversi in un apposito ruolo degli agenti di affari in mediazione.




Mediazione

Disciplinato dalla legge 3.2.89, n. 39, si tratta di un contratto unilaterale, con obbligazioni del solo proponente, che vincola il cliente del mediatore a corrispondergli una provvigione per il caso che questi lo metta in contatto con altri per la conclusione dell'affare.




Metri quadri commerciali

Nella compravendita immobiliare le dimensioni delle case vengono sempre espresse in metri quadri commerciali. Si tratta di una misura convenzionale non coincidente con lo spazio abitabile ( o calpestabile ), ottenuta sommando al 100% della superficie calpestabile coperta una determinata percentuale delle pertinenze e le appendici quali i balconi ed i terrazzi, delle verande, delle pareti interne e perimetrali, dei giardini privati od in uso esclusivo, dei sottotetti, delle cantine e dei solai.




Monolocale

Abitazione costituita da un unico locale ( o vano ) con angolo cottura a cui si aggiunge un locale adibito a bagno.




Multiproprietà

Acquisto del diritto all'uso di un'abitazione per un determinato periodo dell'anno. Nel sistema giuridico italiano si acquista in genere un diritto su una porzione di immobile. Nel sistema anglosassone (Timesharing) si acquista invece una porzione di tempo e la gestione delle quote viene affidata ad un Trust. Esistono formule miste, come la "Nuovelle Propriètè " francese, in cui si acquista interamente l'immobile, ma è trasferito contemporaneamente un diritto di usufrutto decennale a una società di gestione, che l'utilizza per locare l'immobile ad altri.




Mutuante

Banca o ente finanziatore che concede il mutuo.




Mutuo

In base agli artt. 1813 c.c. e segg. viene disciplinato il contratto di mutuo. Stipulando questo contratto una parte consegna in prestito all'altra una definita quantità di denaro o di altre cose fungibili e l'altra si obbliga a restituire altrettante cose della stessa specie e qualità. Salva diversi accordi tra le parti, il mutuatario deve corrispondere degli interessi. Il mutuo è bancario quando chi eroga determinate somme a favore del mutuatario è un istituto bancario. Il mutuatario si obbliga alla restituzione in un determinato tempo con cadenze variabili ad un determinato tasso d'interesse annuo fisso o variabile. Nella quasi totalità dei casi è assistito da ipoteca (o altrimenti da altre forme di garanzia concordate fra le parti) iscritta sul bene immobile concesso in garanzia a favore della banca erogante.
MUTUO A TASSO FISSO: Mutuo con rata prefissata al momento della stipula.
MUTUO CHIROGRAFARIO: Tipo di mutuo, in genere di cinque anni al massimo di durata, con garanzia personale e non ipotecaria, concesso in genere per prestiti fino a un importo relativamente ridotto (per esempio, per la ristrutturazione di una casa).
MUTUO INDICIZZATO: (o a tasso variabile) Mutuo il cui tasso varia a seconda del variare dei parametri di riferimento. Se ad esempio un mutuo è ancorato all'Euribor le rate saliranno e scenderanno proporzionalmente all'aumento e alla diminuzione del valore del tasso.
MUTUO MISTO: Mutuo che per un certo periodo è a tasso fisso, mentre per il rimanente prosegue a tasso variabile o a tasso fisso (anche con possibilità di opzione da parte del cliente) ma a condizioni diverse da quelle iniziali.




Torna su
Nota di trascrizione

Documento attestante l'avvenuta registrazione della compravendita e/o dell'atto di mutuo.




Notaio

Pubblico ufficiale nominato dallo stato al quale ci si rivolge per attribuire pubblica fede ad atti pubblici e privati. Esercita una serie di funzioni concernenti l'amministrazione della giustizia.




Nuda proprietà

Con questo termine si indica la proprietà spoglia dei diritti di abitazione, uso o usufrutto. Il nostro codice civile (articoli da 978 a 1020) consente di "spezzare" in due la proprietà: da una parte il diritto di utilizzare la casa vita natural durante ( usufrutto ), dall'altra la proprietà senza il diritto di utilizzo ( nuda proprietà ). Alla morte dell'usufruttuario la nuda proprietà e l'usufrutto si riuniscono, e si riforma la piena proprietà, della quale si può disporre liberamente.




Nullità

È una forma di invalidità del contratto (art. 1418 c.c.). Condizione di un atto giuridico che manca di uno dei suoi requisiti essenziali e che pertanto non è valido, non produce effetti.




Torna su

Occupato

Con questo termine si intende nel gergo immobiliare un immobile non abitato dalla proprietà ma da un inquilino e quindi non libero in una determinata e precisa data.




Oneri accessori

Tutte le spese da sostenere per accendere e per rimborsare il mutuo. Ad esempio possiamo citare le spese per l'istruttoria della pratica, le spese per la cancellazione dell'ipoteca, la parcella del notaio, la perizia sull'immobile, le commissioni per l'incasso delle rate, l'imposta sostitutiva.




Oneri detraibili

Spese per le quali è riconosciuta la detrazione d'imposta. Ad esempio possiamo citare gli interessi passivi e sia le spese che le quote di rivalutazione dovute per l'indicizzazione dei mutui.




Oneri di urbanizzazione

Sono detti "oneri concessori" l'insieme degli oneri da versare al Comune per ottenere il Permesso di costruire. Gli interventi che comportano trasformazione urbanistica ed edilizia sono soggetti al rilascio del permesso di costruire. Il rilascio di tale permesso di costruire da parte di una amministrazione comunale comporta per il privato "la corresponsione di un contributo commisurato all'incidenza degli oneri di urbanizzazione nonché al costo di costruzione" (art. 16 comma 1 del Dpr 6 giugno 2001, n. 380) e successive modificazioni.
Il calcolo degli oneri sul costo di costruzione cambia da Comune a Comune, in ragione di alcuni parametri propri dell’insediamento (Popolazione, indice di abitanti a mq, essere Comunità montana, ecc.) ma fa comunque riferimento al D.M. 801 del 10 maggio 1977 e si ottiene moltiplicando il costo a mq per la superficie residenziale, non residenziale, accessoria, le logge, i balconi etc., computati singolarmente, dell’immobile da realizzare. Sono le stesse amministrazioni locali, in genere, a fornire un’opportuna tabella con i costi a mq delle singole superfici.
Gli oneri di urbanizzazione sono distinti in contributi per la realizzazione dell’urbanizzazione primaria (strade, fogne, illuminazione pubblica, rete di distribuzione energia elettrica e gas, aree per parcheggio, aree per verde attrezzato. ecc.) e per l’urbanizzazione secondaria (asili e scuole materne, elementari, medie inferiori, istituti superiori, consultori, centri sanitari, edifici comunali, edifici per il culto, aree di verde attrezzato di quartiere, ecc.). Tali contributi sono dovuti sia per le nuove costruzioni sia nei casi di ristrutturazione e/o cambio di destinazione d'uso, in base al mc di edificio realizzato. Gli insediamenti residenziali, commerciali, direzionali e turistici sono soggetti agli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria, mentre gli insediamenti industriali, artigianali, agricoli alla sola urbanizzazione primaria.




Opzione

Contratto mediante il quale una parte rimane vincolata alla propria dichiarazione e l'altra ha facoltà di accettarla o meno (art. 1331 c.c.); produce gli stessi effetti della proposta irrevocabile e di solito è un contratto oneroso: cioè si prevede il pagamento di un corrispettivo in favore del concedente e se per l'accettazione non è stato fissato un termine, questo può essere stabilito dal Giudice.




Torna su

Palazzina

abitazione signorile non molto grande, per lo più con giardino; villetta.




Palazzo

Edificio di grandi proporzioni e di pregio architettonico, adibito soprattutto un tempo ad abitazione di re, principi o famiglie nobili, e oggi per lo più a sede di organi di governo, di uffici pubblici, di istituzioni culturali e sim.: palazzo reale, imperiale.




Particella catastale

Terreno o unità immobiliare nella rappresentazione dei fogli catastali che appartiene a una stessa "ditta catastale" (proprietario, società eccetera) ed ha unica qualità, classe, destinazione.




Perizia

Esame eseguito da un esperto per determinare il valore di un bene, l'autenticità di un'opera d'arte ecc. oppure in un processo penale (nel processo civile prende il nome di consulenza tecnica); Con tale termine si indica anche la relazione in cui vengono esposte le conclusioni cui giunge il perito.




Pergolato

Struttura architettonica formata da una serie parallela di pali collegati da un’intelaiatura leggera e facilmente removibile, idonea a sostenere piante rampicanti o a costituire struttura ombreggiante, senza chiusure laterali e coperture impermeabili alla pioggia.




Pertinenza

Porzione autonoma di fabbricato legata all'immobile principale da un rapporto di servizio, per volontà del proprietario e per sua reale destinazione. Può anche essere dotata di autonoma rendita catastale. Ad esempio un box, una cantina o un solaio rispetto all'appartamento situato nello stesso fabbricato. Le pertinenze ai fini Irpef e imposte di trasferimento godono dello stesso trattamento applicato all'immobile principale. Quindi se si acquista un box di pertinenza a una "prima casa" si pagherà l'aliquota ridotta.




Piano di ammortamento

Elenco di scadenze e di rispettive rate da pagare di un mutuo, in genere ulteriormente suddivise in quote capitale e interessi.




Planimetria (detto anche elaborato planimetrico)

In topografia, studio dell'andamento della superficie del terreno riferita a un piano orizzontale. Nel disegno tecnico, indica il disegno in pianta.




Portico

Struttura architettonica formata da una serie di colonne o pilastri che sorreggono una copertura, talora ad archi, appoggiata sul lato opposto a un muro continuo o a un'altra serie di colonne




Prima casa

Nel linguaggio corrente è sinonimo di abitazione principale. In quello fiscale è cosa diversa: rappresenta il primo immobile in proprietà o possesso a una persona, per il quale si possono godere agevolazioni fiscali sui tributi per i trasferimenti (acquisto, vendita, eredità, donazione). Non è espressamente dichiarato dalla legge che sia adibito a dimora abituale del contribuente o dei suoi familiari anche se deve comunque essere nel comune di residenza. Il titolare non deve essere proprietario, neppure per quote o in comunione con il coniuge, su tutto il territorio nazionale, dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata con le agevolazioni prima casa previste dalla normativa in vigore e da quella precedente.




Provvigione

Percentuale che spetta all'agente immobiliare per la sua mediazione. La provvigione, salvo accordi diversi, comprende le spese ma mai l'Iva (20%) ed è dovuta sia dal venditore sia dall'acquirente.




Torna su

Quadrifamiliare

Edificio indipendente costituita da quattro unità immobiliari.




Quadrilocale

Abitazione, costituita da quattro locali abitabili più servizi.




Quota ereditaria

Frazione dell'asse ereditario di cui è titolare il successore a titolo universale ossia l'erede.




Torna su

Recesso

Diritto potestativo consistente nella facoltà, concessa dalla legge a una o a entrambe le parti, di sciogliersi dal contratto con una dichiarazione di volontà unilaterale che deve essere comunicata all'altra parte (è una delle cause di scioglimento del contratto ammesse dalla legge).




Regolamento condominiale

Norma interna al condominio, che regola tutti quegli aspetti dell'utilizzo dei beni comuni che non siano già previsti dal codice civile e che in alcuni casi può addirittura derogare dal codice civile. Può essere di due tipi: contrattuale, quando è stato predisposto dal costruttore o da tutti i condomini e la modifica è possibile solo con l'unanimità dei consensi, mentre è assembleare quando è stato deciso a maggioranza dall'assemblea condominiale. L'acquisto di un appartamento comporta l'automatica accettazione del regolamento di condominio.
Il regolamento può essere:
Regolamento Condominiale Assemblea (interno) - Il regolamento approvato in assemblea con l'assenso di almeno metà dei partecipanti e metà delle quote millesimali. Si limita a regolare l'uso delle parti comuni e dei servizi e non può derogare dal codice civile. È modificabile con la stessa maggioranza dell'approvazione.
Regolamento Condominiale Contrattuale (esterno) - Il regolamento approvato all'unanimità dai condomini o imposto dal costruttore agli acquirenti delle unità immobiliari. Può essere cambiato solo con l'unanimità dei consensi (salvo le norme di semplice gestione) e dovrebbe essere trascritto in allegato all'atto di acquisto. L'acquisto di un appartamento comporta spesso l'automatica accettazione del regolamento di condominio.




Regolamento edilizio

(Regio Decreto 383/34) Insieme di norme che disciplinano le procedure edilizie del comune, i funzionamenti e la composizione degli organi, le norme di conformità morfologiche e tecnologiche delle opere, gli indici di edificazione (anche zona per zona), le caratteristiche degli interventi di recupero, le caratteristiche dei cantieri, i requisiti degli impianti, etc. In coordinamento con il PRG e le sue varianti.




Relazione notarile

Per predisporre gli atti aventi per oggetto dei beni immobili, il Notaio deve accertarsi chi risulti esserne il proprietario o il titolare dei diritti reali sul bene stesso, in forza di validi titoli di acquisto; a descrivere i dati catastali, ad individuare eventuali pesi e gravami e a verificare la continuità delle trascrizioni ( i vari proprietari siano divenuti tali in base ad un valido titolo di provenienza da parte di colui che risultava essere precedentemente proprietario). Per effettuare queste verifiche si utilizza la visura ipotecaria e catastale ventennale presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari che si estrinseca, nel caso dei mutui, nella relazione notarile preliminare.
Si parla di Relazione Notarile Definitiva quando viene redatta successivamente alla stipula degli atti contestuali di compravendita e mutuo. In essa comparirà la presenza dell'ipoteca in favore della Banca che ha concesso il mutuo al nuovo proprietario dell'immobile oggetto dell'operazione.




Rendita agraria

Rappresenta la capacità teorica di generare reddito di un terreno agricolo, a seconda del tipo di coltivazione effettuata. Nei fatti, si tratta di un valore puramente astratto, poco legato all'oscillazione dei redditi di mercato.




Rendita catastale

Valore attribuito dal catasto alla capacità di generare reddito da affitto di una determinata unità immobiliare. È la base di calcolo per le imposte che gravano sulla casa. Oggi come oggi, per abitazioni, uffici e negozi è rappresentata dal prodotto di due numeri: la tariffa catastale e i vani catastali (per altri tipi di immobili il vano è sostituito dai metri cubi catastali). La tariffa identifica il valore reddituale, a vano catastale o a metro cubo, di un determinato tipo di immobile. Il vano catastale, diverso dal concetto di "vano" nel linguaggio comune è un'astrazione burocratica: rappresenta in media un locale di 15-20 metri quadrati. Atri e corridoi o soffitte sono stimati come percentuali di un vano (per esempio 1/3 di vano). In futuro i vani e i metri cubi saranno sostituiti dai metri quadrati e le tariffe adeguate a questo nuovo metodo di calcolo. La rendita moltiplicata per un certo numero (100 per le abitazioni, 50 per gli uffici e 34 per i negozi) diventa "il valore fiscale o catastale", cioè la base imponibile sulla quale vengono calcolate le imposte su compravendite, successioni, donazioni e sull'Ici.. Salvo limitate revisioni le rendite attualmente in vigore sono ancora quelle stabilite all'epoca della loro introduzione, nel 1992, incrementate del 5% dalla Finanziaria 1997. È prevista in futuro una completa revisione.
Si parla di Rendita Catastale Presunta quando la rendita catastale viene determinata in via provvisoria dal contribuente.




Rendita dominicale

Rappresenta la capacità teorica di generare reddito di un terreno non edificabile. È il prodotto di una tariffa dominicale moltiplicata per il numero di ettari del terreno. Nei fatti, si tratta di un valore puramente astratto, poco legato all'oscillazione dei redditi di mercato.




Richiesta numero civico

Il numero civico individua le singole unità immobiliari, consente la loro ubicazione e identificazione. È uno degli elementi necessari per il rilascio della concessione edilizia e deve essere presentata all'Ufficio Anagrafe, allegando alla stessa una fotocopia dell'estratto di planimetria catastale e del progetto. Al momento del rilascio della concessione edilizia, l'Ufficio Tecnico ne consegnerà una copia anche all'Ufficio Anagrafe, che provvederà ad assegnare il numero civico e ad informare l'intestatario della concessione. Medesima procedura deve essere seguita per la richiesta di autorizzazione al cambio d'uso o di ristrutturazione.




Rinegoziazione del mutuo

Operazione con cui si ricontrattano le condizioni di un mutuo (in genere a tasso fisso), divenuto troppo oneroso per il debitore.




Risoluzione del contratto

Qualora uno dei contraenti non adempia agli obblighi assunti con il contratto, l'altro può a sua scelta chiederne l'adempimento o la sua risoluzione con la richiesta del risarcimento del danno. Dalla data della domanda di risoluzione l'inadempiente non può più adempiere la propria obbligazione.




Rogito

L'atto con cui il notaio trasferisce la proprietà dell'immobile. Può essere redatto sotto forma di atto pubblico o di scrittura privata, con firma autenticata.




Torna su

Sanatoria

La sanatoria dell'abusivismo è la procedura amministrativa con la quale si può, in presenza delle condizioni previste dalla legge, rendere conforme alle previsioni normative edilizie ed urbanistiche opere realizzate in assenza o in difformità della autorizzazione edilizia. Il suo ottenimento consente di evitare le sanzioni amministrative ( demolizione e l'acquisizione ) o quelle penali ( pena detentiva e pecuniaria, ecc.), rendendo commerciabile il bene stesso. Deve essere corrisposta al Comune oltre agli oneri di costruzione anche una somma di denaro la cui misura è stabilita dalle leggi in materia a titolo di oblazione (L. 47/85; L. 724/94; L. 662/96; L. 449/97).




Scrittura privata

Essa è una prova documentale di natura dichiarativa. Contiene una dichiarazione di volontà della persona che la sottoscrive e non è proveniente da un pubblico ufficiale. Si considera riconosciuta la sottoscrizione autenticata dal notaio o da altro pubblico ufficiale a ciò autorizzato. L'autenticazione avviene con l'attestazione da parte del pubblico ufficiale che la sottoscrizione è stata apposta in sua presenza, una volta accertatosi dell'identità delle persone che la sottoscrivono. La scrittura privata autenticata o riconosciuta ha l'identica efficacia probatoria dell'atto pubblico.




Servitù

È un diritto reale inerente ai fondi rustici e gli immobili urbani. Le servitù hanno carattere di predialità (praedium=fondo) in quanto esse sono poste a carico di un fondo (fondo servente) per l'utilità di un altro fondo (fondo dominante) appartenente ad altro proprietario (art 1027 c.c.). Le servitù possono essere estinte per rinuncia del titolare, per consolidazione, se il proprietario del fondo dominante acquista la proprietà del fondo servente o viceversa e per non uso ventennale (prescrizione).




Sfratto

Procedura con cui si chiede l'intervento dell'ufficiale giudiziario e della forza pubblica per liberare la casa da un inquilino. Si può chiedere per necessità, morosità, fine locazione.




Soffitta

Nel gergo immobiliare con questo termine è uso indicare dei locali ricavati nel sottotetto, solitamente senza altezza sufficiente ad assumere una posizione eretta e senza solai strutturalmente consoni ad essere calpestabili.




Spese d'istruttoria

Quanto richiesto dalla Banca per l'istruttoria delle pratiche e delle formalità necessarie all'erogazione della somma finanziata.




Spread

È il guadagno della banca sull'importo finanziato. Rappresenta l'aliquota che sommata al tasso di interesse scelto come parametro di indicizzazione determina la misura complessiva del tasso di interesse applicato al mutuo.




Subalterno catastale

Un'ulteriore divisione della particella catastale. Identifica spesso una porzione di immobile che ha funzioni accessorie rispetto a quello principale. Per esempio una cantina o una soffitta.




Successione

Indica il subentrare di un soggetto nella titolarità di un rapporto giuridico facente capo ad un altro soggetto. La successione può avvenire per atto tra vivi o a causa di morte.
Le varie forme di successione sono : Legittima; necessaria; nel possesso; testamentaria; a titolo universale.




Superattico

Nel gergo immobiliare si indica con questa voce i locali edificati sopra il piano attico. In genere sono collegati all'attico da una scala interna.




Superficie commerciale

Nella gergo immobiliare si tratta della somma ottenuta tra la superficie calpestabile dell'immobile più la superficie, calcolata in base agli usi locali, dei muri, balconi, terrazze cantine e quanto d'altro di pertinenza dell'immobile.




Torna su

Tabella millesimale

Schema, allegato al regolamento condominiale, con il quale vengono espressi in millesimi i valori delle singole proprietà. È indispensabile per il riparto delle spese e per il calcolo della maggioranza.




T.A.R.S.U.

Tassa smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani. Si calcola moltiplicando la superficie utile coperta dell'immobile espressa in metri quadri per l'aliquota stabilita dal Comune a seconda della tipologia dell'immobile o, come avviene più recentemente, all'effettiva o supposta produzione di rifiuti, rapportata al numero di residenti o al tipo di attività svolta nell'immobile.




Tasso a regime

Tasso di interesse effettivamente pagato ottenuto dalla somma del parametro d'indicizzazione (di solito EURIBOR) e dello SPREAD. Questo entra in vigore allo scadere del periodo di validità del "Tasso d'ingresso".




Tasso di ingresso

Viene così denominato il tasso di interesse che è applicato in un primo periodo della fase di rimborso del mutuo. La sua misura è più bassa di quella a regime (Tasso a regime).




Tasso di interesse

È la misura espressa in punti percentuale della somma che il mutuatario deve pagare in un determinato periodo di tempo (generalmente un anno) per avere a disposizione la quantità di denaro (capitale) avuta in prestito.
TASSO FISSO: Il mutuo a tasso fisso viene concordato l'ammontare degli interessi dal principio del contratto di mutuo e non varia più per tutta la durata del prestito.
TASSO MISTO:Con il mutuo a tasso misto si ha la possibilità, da parte del mutuatario di variare una o più volte nel corso del contratto e con scadenze prestabilite la modalità di calcolo degli interessi (da tasso fisso a variabile e viceversa).
TASSO VARIABILE: Il mutuo a tasso variabile è legato ad una formula per cui la percentuale dell'ammontare degli interessi varia a seconda dell'andamento di un indice di riferimento legato al costo del denaro.
TEG (TASSO EFFETTIVO GLOBALE) : È il tasso medio che esprime il costo effettivo del mutuo, tenendo conto di tutte le spese, commissioni e di possibili tassi di ingresso o promozionali.




Termoautonomo

Immobile con riscaldamento proprio ed utenza indipendente.




Terrazzo

Spazio aperto di pertinenza dell'appartamento, solitamente che insistono su lastrici solari di unità o pertinenze sottostanti, avente delle dimensioni tali per poterlo sfruttare con l'ausilio di tavoli e sedie.




Terzo datore d'ipoteca

L'ipoteca può essere garantita anche da una terza persone, diversa dal debitore. Diversamente dal fideiussore, che risponde in genere con tutti i suoi beni, il terzo datore di ipoteca risponde solo con il bene (in genere l'immobile) su cui l'ipoteca è stata iscritta.




Trascrizione

Riferita agli immobili la trascrizione nei Pubblici Registri Immobiliari è un mezzo di pubblicità che serve a far conoscere ai terzi le vicende giuridiche di un immobile.




Torna su

Ufficio del Registro

Ufficio dove si registra la costituzione di un diritto reale e l'iscrizione di garanzie ipotecarie su ogni tipo di immobile.




Ufficio del Territorio

Recente entità, che riunisce gli uffici catastali e le conservatorie dei registri immobiliari.




Uso

Diritto reale che consiste nella possibilità di servirsi di un bene e, se è fruttifero, di raccogliere i frutti limitati ai bisogni propri e della famiglia. Il diritto di uso non si può cedere o dare in locazione. Si estingue con la morte del titolare.




Usucapione

È il mezzo in virtù del quale, per effetto del possesso protratto per un certo tempo, si produce l'acquisto della proprietà e dei diritti reali di godimento.




Usufrutto

Diritto reale che consiste nella possibilità di godere di un bene pur non essendone proprietario, di goderne i frutti, cederlo in locazione, ma senza poter cambiare la destinazione del bene (per esempio da abitazione ad ufficio). La durata può essere determinata o indeterminata. Quasi sempre dura fino alla morte dell'usufruttuario, che nel frattempo pagherà le imposte e i costi di manutenzione ordinaria e di amministrazione dell'immobile. Si distingue dal diritto d'abitazione per il fatto che quest'ultimo è personale e non cedibile.




Usura

Si parla di tasso di usura quando i tassi di interesse praticati su un prestito eccedono i tassi normalmente applicati. La legge stabilisce i tassi massimi di interesse cui può essere prestato il denaro. Trimestralmente vengono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiali i tassi massimi di interesse cui può essere prestato denaro o erogato un finanziamento.




Torna su